Come Evitare i più Pericolosi Miti sulle Cure Naturali Contro il Cancro

Il cancro è una malattia che spaventa e, qualsiasi metodo i medici usino per trattarlo, è incredibilmente difficile da curare. La ragione per cui costituisce una sfida così grande è che il cancro è un processo molto complesso. Più che una condizione singola, si tratta di un gruppo di malattie.

Pericolosi Miti sulle Cure Naturali Contro il Cancro
Ecco perché né le cure naturali, né le chemioterapie su cui sono state fatte ampie ricerche, funzionano sempre e in tutti i casi. Infatti, anche i trattamenti farmacologici più innovativi che la medicina moderna ha da offrire funzionano solo nel 25-50% dei casi.
Dato che le terapie convenzionali contro il cancro sono tossiche e dannose per i tessuti viventi, e spesso hanno una bassa probabilità di successo, non sorprende che molti malati cerchino delle cure naturali per il cancro. Esistono cure naturali iper-semplificate che promettono una guarigione rapida e sicura, ma funzionano davvero?

Cure naturali cancro: supposizioni e falsi miti
Ecco alcune delle supposizioni dietro alle cure contro il cancro comunemente promosse:
I cibi acidificanti causano il cancro e una dieta alcalina lo cura.
I cibi di origine animale e i latticini causano il cancro e una dieta vegana lo cura.
Una dieta chetogenica, ad alto contenuto di grassi, cura il cancro.
Gli squali non si ammalano di cancro, perciò la cartilagine di squalo lo cura.
I clisteri a base di caffè curano il cancro disintossicando il colon.
La formula di Hoxsey e la tisana Essiac curano il cancro.
L’estratto di soia Haelan 951 cura il cancro al seno.
Tutti abbiamo sentito parlare di almeno alcuni di questi trattamenti. Ma c’è qualche verità? O sono tutte promesse destinate a cadere, o peggio, pericolosi miti che possono ucciderti? La risposta non è così chiara.
In trent’anni di esperienza clinica, ho trattato centinaia di malati di cancro. Nel nostro centro di medicina integrata, trattiamo quotidianamente casi gravi di tumore. Usiamo un approccio naturale e integrato, che include una cucina ben equipaggiata per preparare e servire pasti vegani biologici e succhi freschi ai nostri pazienti. Trattiamo i pazienti usando cesio, Poly-MVA, iniezioni di vitamina C ad alto dosaggio, estratto di timo, estratto di vischio, tutti i tipi di funghi medicinali, Haelin 951, ozono intravenoso e molte altre terapie inclusa una dieta alcalina. Tuttavia, secondo la mia esperienza clinica, nessuna di queste è una cura di per sé.
Diamo un’occhiata più da vicino alla più conosciuta di queste cure.

La dieta alcalina cura il cancro: saggezza o falsa credenza?
Il pH di un liquido o di una sostanza determina la sua relativa acidità o alcalinità. La sua scala va da 0 a 14. Un pH uguale a 7.0 è neutro. L’acqua pura è neutra. Gli acidi dello stomaco hanno un pH di 1.1, cioè molto acido.
Il pH normale del corpo è un equilibrio costante tra acido e alcalino. Molte cose influenzano il pH, ma il corpo lo riporta sempre in equilibrio. La temperatura del corpo influenza il pH. Una normale temperatura corporea di 37°C permette un piccolo margine oscillazione del pH tra 6.8-7.0. Ma cambiamenti estremi di temperatura, come il freddo o il caldo intenso, modificano il pH. Perfino l’esercizio intenso modifica i valori del pH.
L’esercizio aerobico fa sì che le cellule muscolari rilascino anidride carbonica (CO2) nel sangue, causando un abbassamento del pH sanguigno. Gli allenamenti anaerobici come il sollevamento peso provocano il rilascio di acido lattico, e anch’esso abbassa il pH del corpo rendendolo leggermente acido.
Ma perfino dopo un allenamento intenso il tuo corpo fa velocemente gli aggiustamenti necessari a riportare il pH in equilibrio. Questa è una ragione per cui consiglio di riposare da 10 a 20 minuti dopo un allenamento intenso, per permettere al corpo di ritornare al suo equilibrio.
Le diverse cellule del corpo lavorano a livelli leggermente differenti di pH. I linfociti, un tipo di globuli bianchi coinvolti nella risposta immunitaria, lavorano meglio a un pH di 7.17. I globuli rossi hanno un pH di 7.25. Questi valori potrebbero sembrare vicini, ma tipi diversi di cellule operano a precisi livelli di pH. Piccoli cambiamenti nel pH fanno grandi differenze nelle funzioni biologiche del corpo.
Il fluido che circonda le cellule ha un pH di 6.0-8.3. Molti prodotti del corpo influenzano il pH, incluso l’acido lattico, la CO2 e l’acido idrocloridrico. Il pH dentro alle cellule varia tra 6.8 e 7.8, ma diversamente dall’ambiente esterno alle cellule, resiste ad ogni cambiamento. Il pH medio interno è 7.4, cioè leggermente alcalino, e varia di poco.
Gli scienziati sanno che il microambiente intorno alle cellule può diventare acido. Dato che le cellule tumorali hanno modi di creare energia e utilizzare l’ossigeno diversi rispetto ai tessuti sani, il pH in un tumore è neutro, non acido.
Uno studio pubblicato nel 2016 dal Journal of Clinical Oncology ha scoperto che abbassare il pH in un tumore al seno – rendere cioè il tessuto tumorale acido – iniettando del nitrobenzaldeide e poi colpirlo con un tipo di luce ultravioletta ne favorisce la rapida riduzione.
I ricercatori lavorano sodo per capire come e perché questo avvenga, in modo da sviluppare trattamenti contro il cancro più efficaci. Il cancro è soprannominato l’imperatore di tutte le malattie, per più di una ragione. Cambiare il pH di un tumore potrebbe dimostrarsi utile nelle terapie, ma non sappiamo con certezza se puntare verso l’alcalino o verso l’acido. E non ci sono delle prove reali che dimostrino che una dieta alcalina modifichi significativamente il pH del corpo, o che abbia un impatto sui tumori riducendoli.
cure naturali cancro

Può la dieta fare una differenza nei tassi di sopravvivenza dal cancro?
Il cibo conta, tuttavia non è il solo fattore che bilancia i livelli di pH. I polmoni, i reni e il fegato sono gli organi che regolano l’equilibrio acido-base. Ad esempio, quando mangi un cibo molto acido (come il limone), il tuo corpo riporta il pH in equilibrio grazie ai reni che eliminano l’acido in eccesso attraverso l’urina.
La dieta gioca un ruolo significativo nella prevenzione del cancro. E alcuni cibi e metodi di preparazione del cibo possono causare certi tipi di cancro. Ad esempio, mangiare molti insaccati, carne affumicata o sottaceti salati aumenta il rischio di cancro allo stomaco. E una dieta povera di fibre con molti grassi animali aumenta il rischio di cancro al colon.
Ciò che si mangia gioca un ruolo anche nel far stare bene i pazienti durante le cure antitumorali. Mantenere alti i livelli di vitamina D3 favorisce dei buoni risultati nei trattamenti. Assumere una quantità adeguata di proteine aiuta a prevenire la perdita di massa muscolare dovuta al metabolismo del cancro avanzato.
Io sono a favore di un abbondante consumo di verdure a foglia verde, non tanto per il loro effetto acido o alcalino sul corpo, ma per i loro benefici sulla salute globale. Ortaggi e frutti verdi e colorati sono ricchi di antiossidanti e polifenoli, e molti di essi, come le barbabietole, promuovono salutari livelli di ossido nitrico. Molte di queste sostanze prevengono il cancro e possono rallentare la progressione della malattia.

Come utilizzare le strisce per misurare il pH
Puoi acquistare le strisce per misurare il pH nella maggior parte delle farmacie. Queste strisce sono uno strumento valido per valutare il pH dell’urina e della saliva. Anche se i risultati possono rispecchiare il pH del resto del corpo, le strisce per l’urina non sono un modo accurato per misurare il pH in tutte le aree del corpo, e certamente non misurano il pH di un tumore. L’urina è leggermente acida al mattino, con un pH tra 6.5 e 7.0. Durante il giorno, specialmente se bevi abbondante acqua e mangi verdura, l’urina diventa più alcalina raggiungendo un pH tra 7.5 e 8.0. Il pH della saliva si trova a metà, con un valore tra 6.5 e 7.5, che varia a seconda di quando hai mangiato per l’ultima volta.
Il sangue è leggermente alcalino. I reni regolano il pH sanguigno mantenendolo entro un range salutare, molto stretto, che va da 7.35 a 7.45. E’ un intervallo molto piccolo, e ciò che fai, incluso ciò che mangi, incide poco su questi valori. La dieta americana spinge il corpo verso valori acidi. Ma il pH del sangue non può essere influenzato più di tanto da ciò che mangi poiché ogni eccesso, acido o alcalino, viene eliminato attraverso le urine.
Tuttavia, un alto consumo di cibi acidi, bere molto caffè, troppo alcool e bibite gassate, o mangiare molta carne può causare acidità nelle urine. Anche il digiuno, la disidratazione o la diarrea spostano il pH verso valori acidi.
Il pH può variare a seconda di ciò che hai mangiato o non hai mangiato recentemente. Puoi controllarlo testando il pH (l’acidità) della tua urina dopo aver mangiato cibi differenti. Ma cambia solamente il pH della tua urina, non l’equilibrio acido-alcalino dell’intero corpo, del sangue o il pH di un tumore.
In assenza di malattie gravi come il diabete o malattie ai reni, l’acidosi è rara. Tuttavia, in alcuni tumori maligni, l’acido lattico può accumularsi. E’ il caso della leucemia acuta, del cancro alla prostata in metastasi, e del cancro al pancreas avanzato.

Quali sono le conclusioni sulla dieta alcalina?
Mantenere l’equilibrio del pH nelle cellule è di vitale importanza. Una caratteristica dell’ambiente che circonda le cellule tumorali è l’acidosi. L’acidosi tumorale è l’effetto di bassi livelli di ossigeno che portano ad alti livelli di acidità dentro il tumore. Promuovere un cambiamento da un pH acido a un pH normale con strategie dietetiche e mediche può essere di immenso aiuto nello sconfiggere il cancro in metastasi. Sfortunatamente, la dieta da sola non è sufficiente. Una dieta alcalina ricca di cibi vegetali biologici freschi, crudi e cotti, è l’inizio, non un traguardo. Il miglior modo per portare l’ambiente da acido ad alcalino è bere più acqua. Prendere degli integratori di calcio, magnesio e potassio può aiutare. In caso di un pH basso persistente, un rimedio è il bicarbonato di sodio.

Quattro modi sicuri per riequilibrare il tuo pH
Bevi più acqua. Bere acqua pura è il modo più importante per migliorare il proprio equilibrio acido-alcalino.
Bevi succhi verdi. Tuttavia, al contrario di ciò che comunemente si crede, le verdure a foglia verde non sono dei cibi super-alcalini, perciò diluisci i tuoi succhi con abbondante acqua pura. Aggiungere menta piperita o tè verde aumenta i livelli di alcalinità.
Prendi un integratore di calcio/magnesio/potassio. Il calcio carbonato ha un pH di 9.4. Il tuo corpo può convertire il calcio e il magnesio citrato in forme carbonate. Il potassio è iù alcalino, con un pH di 12.0.
Assumi bicarbonato di sodio. Il bicarbonato di sodio ha un pH di 8.4. Un dosaggio medio è di 5 g al giorno. Mescolalo con acqua pura e bevilo lentamente. Non prenderlo se segui una dieta a basso contenuto di sodio per la pressione alta.
Dalla mia esperienza clinica, l’approccio migliore contro il cancro è la prevenzione. Guarda lontano e segui uno stile di vita salutare, senza fumo, senza o con poco alcool, mantenendo un peso salutare e seguendo una dieta a base vegetale ricca di polifenoli.
Se ti ammali di cancro, esamina tutte le possibilità che hai. Segui una dieta vegan per un certo periodo. Pratica digiuni periodici. Controlla il pH della tua urina e della tua saliva. Aggiusta dieta ed integratori per aiutare il corpo a raggiungere un equilibrio. Se mangi più verdure, meno cibi grassi, più fibre e meno cibi raffinati, il tuo corpo troverà il giusto pH.
Le cellule tumorali sono biologicamente presenti in quasi tutti gli organismi viventi. Non sappiamo perché.
Le sostanze cancerogene presenti nel nostro ambiente, specialmente il fumo di sigaretta, causano la maggior parte dei tumori.
Molte sostanze naturalmente presenti nelle piante agiscono in modo preventivo contro i tumori, ma quando usate come cura, non arrestano il cancro.
Una carenza di sostanze anti-tumorali nella dieta moderna ci predispone al cancro, così come altri fattori, come lo stress, che altera la capacità del nostro sistema immunitario di neutralizzare il cancro negli stadi iniziali.
Molti tumori sono causati da infezioni virali e batteriche, come l’HPV che provoca quasi tutti i casi di cancro alla cervice e il 95% dei tumori anali.
Ci sono prove scientifiche del fatto che una dieta acidificante aumenti l’infiammazione, contribuisca al riflusso gastrico e ad altri disturbi. Ma c’è poco riscontro scientifico del fatto che una dieta altamente alcalina curi il cancro.
Ci sono nuove prove che sostengono la visione opposta: rendere l’ambiente tumorale più acido può curare il cancro. Tuttavia, anche se non è una cura contro il cancro, una dieta alcalina è un mito che vale la pena di perseguire.

* Il dr. J.E. Williams è un pioniere nel campo della medicina integrata, della longevità e della salute naturale. Oltre che medico, è autore di sei libri e di più di 200 articoli e insegnante universitario. Il dr. Williams è anche un etnografo e un naturalista. Nel 2010 ha fondato Ayniglobal, un’organizzazione non-profit dedicata alla protezione della cultura, dell’ambiente e dei diritti intellettuali degli indigeni.

Fonte notizia: http://www.crudoesalute.com/cure-naturali-cancro/

I commenti sono chiusi.